Tag Archives: tempo di esposizione

Keep on walking

Inizialmente mi aveva colpito la geometria delle finestre di quel fabbricato, l’usura della vernice che si stacca, e avevo deciso di fotografarle. Messo a fuoco, controllata l’esposizione, sono pronto a scattare. Faccio un ultimo controllo e noto un simpatico personaggio passeggiare, poco ha a che vedere con quel muro che mi ha colpito, ma ben si inserisce nel contesto.

Canon EOS 60d CZJ DDR 35mm f/2,4 ISO 800 1/125 sec
Canon EOS 60d CZJ DDR 35mm f/2,4 ISO 800 1/125 sec

Dal punto di vista tecnico non c’è niente da segnalare, anzi. Avessi previsto prima l’esecuzione dello scatto con questa signora dai pantaloni sgargianti, avrei optato per un tempo di esposizione più veloce, evitando così l’effetto di mosso che si evidenzia particolarmente sui piedi. I colori sono stati desaturati, e virati leggermente verso tonalità più calde, al fine di invecchiare lo scatto.

Un Airone al passeggio

Riuscire a catturare un Airone senza che il volatile si accorga della vostra presenza e non vi fissi con fare guardingo, non è cosa affatto semplice. Avere una postazione mimetizzata, possibilmente che garantisca anche un buon punto di osservazione serve parecchio: nel sud milanese, i canali di irrigazione delle risaie, impiegati nel periodo estivo consentono di percorrere parecchi tratti di campo al di fuori da sguardi indiscreti e sono un’ottima soluzione per avvicinarsi a questi diffidenti cicogniformi.

Canon EOS 1000d ISO 400 Sigma 150-500 @500mm f/9 1/400sec
Canon EOS 1000d ISO 400 Sigma 150-500 @500mm f/9 1/400sec

Lo scatto, di qualche settimana fa, mostra un Airone con il piumaggio ancora da accoppiamento: i colori sono molto più tendenti al blu rispetto alla normale colorazione. La scarsa luce, unita alla necessità di avere una buona nitidezza (lo scatto è infatti un crop) mi ha portato ad usare 400 ISO e scattare ad F9; come molti teleobbiettivi, infatti, anche il Sigma 150-500 che impiego tende a perdere un po’ di nitidezza alla massima focale. Lo stabilizzatore di immagine, che tengo sempre attivo, aiuta nell’ottenere scatti precisi e a prevenire il micromosso: grazie a questa funzione si può in alcuni casi, avendo un saldo appoggio e trovata una posizione stabile, andare contro la regola ferrea che indica come fondamentale il rapporto mm e tempo di esposizione. Qualora si scattasse a 400mm infatti, sarebbe consigliabile scattare a 1/400, a 300mm 1/300 e via dicendo.