Tag Archives: ISO

Copenhagen, Amalienborg Slot

Di recente rientrato da una piacevole tre giorni a Copenhagen, mi permetto di proporre una delle prime foto fatte con il nuovo Tamron 10-24: le giornate decisamente uggiose che hanno caratterizzato la capitale danese in questi giorni non sono di certo state il meglio per provare la lente. Quale posto migliore per dare sfogo alla massima ampiezza di questo grandangolo se non una vasta e sterminata piazza?

Amalienborg Slot è così risultato lo scenario ideale: la piazza dove quotidianamente è possibile osservare il cambio della guardia reale e dove alloggia tutt’ora la famiglia reale, è una distesa di sanpietrini uno incastonato a fianco ad un altro che apre la via a Marmorkirken. Ecco a seguire lo scatto:

Canon EOS 1000d ISO 800 Tamron 10-24 @10mm f/3,5 1/13sec
Canon EOS 1000d ISO 800 Tamron 10-24 @10mm f/3,5 1/13sec

L’immagine è stata scattata verso le 19 di sera con molta poca luce: questo mi ha costretto ad alzare gli ISO ad 800 (margine massimo di lavoro su una reflex digitale entry level come la Canon 1000d) e scattare a f3,5. Lavorare ad alti ISO aumenta in modo evidente la rumorosità della foto, rischiando di far emergere la “grana” della foto che disturba la qualità dell’immagine complessiva. A questo va inoltre unita la necessità di dover scattare ad una apertura focale di 3,5: avere poca luce a disposizione comporta quindi dover perdere in nitidezza, soprattutto ai bordi, dove il grandangolo impiegato dimostra di riportare un’immagine più morbida rispetto a focali più chiuse. A differenza di foto naturalistiche, però, l’immagine viene trattata nel suo complesso, senza dover ricorrere a particolari crop; in questo modo è possibile ovviare, almeno in parte ai problemi sopra riportati.

Per lavorare lo scatto, ho preferito mantenere un tocco leggero, per evitare di far emergere eccessivamente la rumorosità dello scatto: una leggera desaturazione del ciano in favore di una maggiore carica rossa e gialla ha reso l’immagine più calda e un contrasto tonale sui mezzitoni ha dato maggiore risalto alle nuvole.

Cicogna in volo

Ripropongo uno scatto di qualche mese fa; era Settembre, il calore estivo si faceva ancora sentire e le risaie del sud milanese erano piene di volatili. Le risaie ancora piene di acqua rappresentano un ricettacolo di nutrimento per molti pennuti, che non esitano a muoversi in blocco per riempirsi lo stomaco. La calura e forse anche la pancia piena, mi consentono di poter avvicinare molto gli esemplari presenti, che si dimostrano diffidenti sì, ma non eccessivamente.

Canon EOS 1000d ISO 400 Sigma 150-500 @500mm f/6,3 1/4000sec
Canon EOS 1000d ISO 400 Sigma 150-500 @500mm f/6,3 1/4000sec

Lo scatto proposto è stato effettuato con una luce quasi frontale: per evitare di bruciare i bianchi (che però hanno perso qualche dettaglio di troppo in corrispondenza della fine del collo della cicogna) ho dovuto sottoesporre sensibilmente. Ciò ha comportato una scarsa resa dei toni scuri, specialmente quelli neri della parte finale del piumaggio alare: lo strumento luci/ombre va usato con estrema cautela in questo caso, si rischia infatti di andare a far emergere molto rumore dalle zone particolarmente in ombra, aumentando la “grana”. L’aver scattato a 400 ISO non ha di certo aiutato: di fronte alla scelta di rischiare di avere un soggetto un po’ mosso e di penalizzare la qualità dell’immagine ho preferito quest’ultima.

L’ottima luce mi ha comunque permesso di scattare con tempi molto veloci, immobilizzando il soggetto. L’immagine è stata lavorata con le oramai due classiche passate di maschera di contrasto ed è stata successivamente saturata.