Tag Archives: grandangolo

Arco di Costantino e Tempio di Venere e Roma

La recente trasferta lavorativa a Roma, in occasione del Photoshow, mi ha regalato una mezza domenica in giro per la capitale. Sole alto nel cielo e ottima giornata, tempo ideale per girare tra le rovine del centro storico. Anche in questo caso l’occasione di mettere alla prova il mio grandangolo è cascata a fagiolo. Posizionato sul mezzanino del colosseo, sono rimasto colpito dalla visuale che da questa balconata si può godere. A seguire lo scatto:

Canon EOS 1000d ISO 100 Tamron 10-24 @10mm f/10 1/400sec
Canon EOS 1000d ISO 100 Tamron 10-24 @10mm f/10 1/400sec

La foto è stata eseguita a 10mm, distanza focale che mi ha permesso di inquadrare non solo l’Arco di Costantino a sinistra ma integrare nello stesso fotogramma anche il tempo di Venere e Roma alla destra dell’immagine. La forte presenza di luce mi ha offerto la possibilità di chiudere e scattare ad f/10, guadagnando sia profondità di campo sia nitidezza dell’obbiettivo. Lo scatto non è stato croppato ma solo ridimensionato. I colori hanno subito una leggere saturazione.

Copenhagen, Amalienborg Slot

Di recente rientrato da una piacevole tre giorni a Copenhagen, mi permetto di proporre una delle prime foto fatte con il nuovo Tamron 10-24: le giornate decisamente uggiose che hanno caratterizzato la capitale danese in questi giorni non sono di certo state il meglio per provare la lente. Quale posto migliore per dare sfogo alla massima ampiezza di questo grandangolo se non una vasta e sterminata piazza?

Amalienborg Slot è così risultato lo scenario ideale: la piazza dove quotidianamente è possibile osservare il cambio della guardia reale e dove alloggia tutt’ora la famiglia reale, è una distesa di sanpietrini uno incastonato a fianco ad un altro che apre la via a Marmorkirken. Ecco a seguire lo scatto:

Canon EOS 1000d ISO 800 Tamron 10-24 @10mm f/3,5 1/13sec
Canon EOS 1000d ISO 800 Tamron 10-24 @10mm f/3,5 1/13sec

L’immagine è stata scattata verso le 19 di sera con molta poca luce: questo mi ha costretto ad alzare gli ISO ad 800 (margine massimo di lavoro su una reflex digitale entry level come la Canon 1000d) e scattare a f3,5. Lavorare ad alti ISO aumenta in modo evidente la rumorosità della foto, rischiando di far emergere la “grana” della foto che disturba la qualità dell’immagine complessiva. A questo va inoltre unita la necessità di dover scattare ad una apertura focale di 3,5: avere poca luce a disposizione comporta quindi dover perdere in nitidezza, soprattutto ai bordi, dove il grandangolo impiegato dimostra di riportare un’immagine più morbida rispetto a focali più chiuse. A differenza di foto naturalistiche, però, l’immagine viene trattata nel suo complesso, senza dover ricorrere a particolari crop; in questo modo è possibile ovviare, almeno in parte ai problemi sopra riportati.

Per lavorare lo scatto, ho preferito mantenere un tocco leggero, per evitare di far emergere eccessivamente la rumorosità dello scatto: una leggera desaturazione del ciano in favore di una maggiore carica rossa e gialla ha reso l’immagine più calda e un contrasto tonale sui mezzitoni ha dato maggiore risalto alle nuvole.

Caldè, il porto e un nuovo grandangolo

Ieri mi è finalmente arrivato il nuovo acquisto, un grandangolo Tamron 10-24mm: una valida escursione focale che consente di avere una lente che si adatta a diversi scenari di utilizzo, e non pone troppe limitazioni, mi auguro si riveli una scelta azzeccata. Non mi sono mai dedicato alla fotografia paesaggistica, ma è giunto il momento di cominciare: imbracciato il treppiede, con il buon Bordin siamo andati alla volta di Calè. Piccolo scenario portuale che, nonostante la serata con decisamente troppa foschia, ispira a qualche scatto. Sotto propongo quello che ritengo più interessante fra tutti:

Canon EOS 1000d ISO 400 Tamron 12-24 @11mm f/7,1 30sec
Canon EOS 1000d ISO 400 Tamron 12-24 @11mm f/7,1 30sec

Il tempo di esposizione di 30 secondi ha consentito di ottenere una corretta illuminazione laddove ci sono i lampioni e cogliere anche qualche sfumatura dei monti e degli alberi subito dietro il porticciolo.