Tag Archives: bianco

Sempre bianco, ora piuma d’oca

In linea con quanto riportato pochi giorni fa, anche in questa occasione mi permetto una breve digressione sul bianco e sul suo bilanciamento. Il problema di gestire in modo corretto il bianco si presenta soprattutto quando si sta fotografando un soggetto non illuminato correttamente e omogeneamente; in natura, quindi, quasi sempre. Il soggetto di oggi è una comune oca, ritratta in un particolare momento di relax.

Canon EOS 1000d ISO 200 Sigma 150-500 @500mm f/9 1/1250sec
Canon EOS 1000d ISO 200 Sigma 150-500 @500mm f/9 1/1250sec

Lo scatto, mette in luce un piumaggio bianco sporco sulla parte posteriore, quella che occupa la parte più bassa del fotogramma, e un bianco più tendente all’azzurro, in corrispondenza del collo e del muso. Anche in questo caso, come fatto in precedenza ho cercato di lavorare andando a bilanciare nel modo più naturale possibile i livelli colore. Nonostante l’operazione comunque la differenza appare ancora, anche se meno evidente. Lo ritengo un livello di bianco accettabile, ma continuerò a provare ulteriori metodi di regolazione.

Primo piano, in bianco

La gestione del bianco è una delle cose più difficili da fare quando ci si trova a ritrarre soggetti con un piumaggio particolarmente candido ma illuminati in modo non proprio ottimale. I continui appostamenti all’Airone reale hanno dato nuovi frutti, purtroppo non ancora quelli sperati, se non altro non fanno che offrirmi altre e nuove occasioni per migliorare la mia gestione del bianco.

Canon EOS 1000d ISO 200 Sigma 150-500 @500mm f/9 1/2000sec
Canon EOS 1000d ISO 200 Sigma 150-500 @500mm f/9 1/2000sec

Questo primo piano è risultato essere particolarmente ostico in fase di postproduzione: la parte anteriore era infatti illuminata direttamente da un sole piuttosto forte per il periodo, mentre il dorso appariva assolutamente in ombra. Per evitare di bruciare il bianco ho sottoesposto di due stop, scattando con un tempo di 1/2000. La zona in ombra è forse un po’ troppo tendente all’azzurro, ma, onestamente non sono riuscito a fare di meglio. Il livello di dettaglio che sono riuscito a recuperare sul piumaggio, soprattutto quelloe anteriore, mi ha invece soddisfatto.

Purtroppo in queste occasioni il bilanciamento automatico della macchina non funziona perfettamente: sarebbe impensabile riuscire ad avere uno strumento elettronico in grado di fornire un bianco candido e perfetto proprio dove ne abbiamo bisogno. È fondamentale in questo caso lavorare soggettivamente con il bilanciamento dei colori, sia sulle ombre (particolarmente in questo caso), sia sui mezzitoni. In questo caso ho bilanciato a favore delle tonalità gialle di una quindicina di punti, togliendo spazio all’azzurro predominante della foto.

Piccola Garzetta

Anche questa foto è frutto della mia fortunata uscita domenicale: l’incontro con l’Airone è stato accompagnato anche dall’occasione di poter vedere una piccola Garzetta e di un Airone bianco maggiore. Il raduno dei Cicogniformi, verrebbe da dire. A seguire lo scatto della Garzetta, ancora piccola:

Canon EOS 1000d ISO 200 Sigma 150-500 @500mm f/9 1/250sec
Canon EOS 1000d ISO 200 Sigma 150-500 @500mm f/9 1/250sec

Anche in questo caso, come nelle precedenti foto postate, ho preferito mantenere a 9 l’apertura focale, così da guadagnare qualcosa in nitidezza: dopo aver controllato di poter scattare con un tempo di esposizione sufficiente, ho proceduto alla raffica. In questo caso la difficoltà maggiore è stata rappresentata dalla gestione del bianco: dopo aver impostato l’esposizione media pesata al centro ho proceduto a sottoesporre di due stop. Il risultato è stato un soggeto ben ritratto, ma con l’istogramma che mostrava comunque alcuni dettagli del bianco persi. In questi casi, la mancanza di un controllo dell’esposizione spot si sente e mette in luce i limiti di una reflex destinata alla fascia bassa del mercato, come la Canon 1000d impiegata per la foto sopra riportata. L’immagine è stata trattata con l’immancabile smart sharpen (doppia passata con differenti raggi di azione) e successivamente saturata: per dare maggiore profondità alla scena ho calcato la mano soprattutto sui neri.

La garzetta

Canon EOS 1000d ISO 400 Sigma 150-500 @289mm f/8 1/1600sec
Canon EOS 1000d ISO 400 Sigma 150-500 @289mm f/8 1/1600sec

Un sabato trascorso in Val Tidone, nell’oasi di Sant’Alessio mi ha regalato numerose soddisfazioni. Le varietà presenti hanno dato fondo alla mia povera SD da 8GB, che ne è tornata malconcia. Comincio postando le foto di alcune Garzette che mi hanno colpito per l’eleganza e il bianco candico che ne caratterizza il piumaggio. Il caldo torrido limitava in modo importante gli spostamenti degli animali, che, saggiamente se ne stavano all’ombra, spostandosi il meno possibile, non il massimo per chi vuole immortalare questi splendidi soggetti. Devo quindi pazientare diversi minuti per avere qualche esemplare a portata di tiro e in posizione, ma la pazienza premia.

Canon EOS 1000d ISO 400 Sigma 150-500 @370mm f/8 1/1250sec
Canon EOS 1000d ISO 400 Sigma 150-500 @370mm f/8 1/1250sec

Anche in questo caso, memore di quanto sperimentato con l’Airone, vista la mancanza dell’esposizione spot nella mia cara 1000d, mi sono avvalso della modalità “pesata al centro” sottoeponendo però di due stop pieni, per evitare di bruciare il bianco candido del volatile.