Gli idrogeni nel mare dell’oblio

Fa freddo e i laghetti si ghiacciano. Fa freddo e i pesci rimangono intrappolati sotto, schermati dal resto del mondo come dietro ad un vetro. Le ultime foglie aggrappate agli alberi continuano a cadere, ma si fanno male, l’acqua è dura. Poi una luce prende posto sulla cima di un tronco inabissato, ma con ancora la forza di emergere.

Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @17mm f/9 ISO 100 1/160sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @17mm f/9 ISO 100 1/160sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @40mm f/9 ISO 100 1/160sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @40mm f/9 ISO 100 1/160sec

Floating

Sorretti da un soffice letto fatto d’acqua, che sempre c’è stato e sempre ci sarà, galleggiano. Sospese, come per magia, da un corpo che tutto sembra fuorchè solido. Navigano, si muovono, e vivono la loro vita. Noi con i nostri piedi sulla terra, loro con le loro chiglie nell’acqua. E paiono solide. Galleggiano, ondeggiano, ma sono stabili. Molto più di noi, quando le sensazioni ci colpiscono e ci investono. Anime in balia di un mare mosso, barche stabili con i piedi per terra.

Canon EOS 60d Tamron 10-24 @10mm f/22 ISO 100 20sec
Canon EOS 60d Tamron 10-24 @10mm f/22 ISO 100 20sec
Canon EOS 60d Tamron 10-24 @10mm f/22 ISO 100 15sec
Canon EOS 60d Tamron 10-24 @10mm f/22 ISO 100 15sec
Canon EOS 60d Tamron 10-24 @10mm f/22 ISO 100 6sec
Canon EOS 60d Tamron 10-24 @10mm f/22 ISO 100 6sec

Profili di fuoco

In una delle sere più fredde da molto tempo a questa parte è un falò che scalda. Un falò dedicato alla merla, gli ultimi del mese di Gennaio. Perchè della merla? Semplice:

“Una volta i merli erano bianchi. Ma un giorno di fine gennaio, stranamente tiepido, una merla esce dal nido e va a spasso e incontra Gennaio. Sicura che i giorni di sole sarebbero continuati, si mette a sbeffeggiarlo: “Genar Genarot, de te men impipi, che gò scundit i me merlot” Gennaio, che se ne stava andando tranquillo, punto sul vivo, si rivolta infuriato e le grida. “Du te i do e un tel prumetarò, bianca te set e negra te farò” e scatena una tempesta di neve che costringe la merla a rifugiarsi in un camino, da cui, dopo tre giorni esce tutta annerita.”

E così come neri sono diventati i merli, neri sono i profili delle persone illuminate dal falò che ricrea, in modo figurato, i camini in cui fu costretta a ripararsi la merla.

Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @40mm f/4 ISO 1600 1/160sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @40mm f/4 ISO 1600 1/160sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @40mm f/4 ISO 1600 1/80sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @40mm f/4 ISO 1600 1/80sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @40mm f/4 ISO 1600 1/80sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @40mm f/4 ISO 1600 1/80sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @40mm f/4 ISO 1600 1/100sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @40mm f/4 ISO 1600 1/100sec

Snowflakes

Freddo e acqua, se ben combinati, danno la neve. Scende, leggera, a forma di cristalli; e di nevi ce ne sono tanti tipi: quella pesante, che si attacca al suolo e quella farinosa, che sporca appena le macchine. Questa mattina, con un freddo gelido che taglia la faccia, piccoli cristalli di neve si sono affacciati. Eccone alcuni:

Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @40mm f/4 ISO 1000 1/100sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @40mm f/4 ISO 1000 1/100sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @40mm f/4 ISO 1000 1/40sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @40mm f/4 ISO 1000 1/40sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @40mm f/4 ISO 1000 1/60sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @40mm f/4 ISO 1000 1/60sec

Wild stuff