Lago Delio, o d’Elio? Questo è il dilemma

Quale che sia il reale nome, una recente capatina a questo invaso naturale, di origine glaciale, è stata l’occasione per fare qualche scatto in notturna. Tralasciando il fatto che il buon Dorin Gega, rinominato stitching fanatic, non si è esibito in uno dei suoi marchi di fabbrica (la fotografia panoramica, appunto), lo scenario che questo ambiente è in grado di ricreare è suggestivo e, di notte, anche decisamente inquietante.

Gli scatti a seguire:

Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @20mm f/8 ISO 400 36 sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @20mm f/8 ISO 400 36 sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @40mm f/8 ISO 400 13sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @40mm f/8 ISO 400 13sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @32mm f/8 ISO 400 10sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @32mm f/8 ISO 400 10sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @17mm f/7,1 ISO 400 30sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @17mm f/7,1 ISO 400 30sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @17mm f/8 ISO 400 8sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @17mm f/8 ISO 400 8sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @17mm f/8 ISO 400 8sec
Canon EOS 60d Canon EF 17-40 @17mm f/8 ISO 400 8sec

Avere l’occasione di vedere una diga simile, in un posto isolato, di notte merita sicuramente: l’imponenza della cinta di cemento armato da’ un certo senso di impotenza di fronte a una simile massa. Le foto sono state post-prodotte nel tentativo di ricreare quanto più possibile proprio quell’atmosfera. Avendo scattato con bilanciamento del bianco in automatico, l’unica fonte di luce rappresentata dai fari che indicano i bordi della strada sopra la diga, rappresenta anche la fonte principale di luce per lo scatto, soprattutto in una sera senza luna come in questa occasione. Il risultato è una foto con una forte dominante gialla che, personalmente, non gradisco molto. Ecco allora che ho preferito desaturare gli scatti, aumentando la luminosità e migliorando il contrasto.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*